Testata sito Partecipa e Vinci! Home page di Paternità Oggi
     
 Email:
  
 Password:
  
  
Home Page > TUTTO IO DEVO FARE > Articolo Inserito il  15/12/2010





Scontri a Roma, se mio figlio fosse stato lý in mezzo  

Ieri ero in mezzo a loro, i guerriglieri studenti e i guerriglieri poliziotti, nella più grande esaltazione generale mai veduta (in entrambe le parti). Una triste follia collettiva è ciò che ho potuto osservare, fra le lacrime, che sono riuscito a trattenere a stento, per il dispiacere che queste scene mi hanno causato: giovani e giovanissimi che combattevano tutti contro tutti, anche fra di loro, maschere di sangue, poliziotti, anch'essi vittime, che reagivano alla violenza con altrettanta, ferma violenza.

Ciò che ho visto è stato il solito crudele gioco delle parti, in cui gli studenti dovevano portare all'esasperazione il loro ruolo previsto per quel giorno e le forze dell'ordine dovevano rispondere, per dimostrare che lo Stato c'è e che la città non può essere abbandonata ai disordini. Ma ciò che ho visto è stato anche il massacro delle parti, nella mischia dove le divise e le bandiere si confondono e gli occhi e le menti sono accecati dai lacrimogeni e dagli scoppi delle bombe-carta.

Il caos che c'è stato nel centro di Roma è imputabile prima di tutto a un caos mentale: nelle due onde che si sono contrapposte non ho mai sentito una sola voce fuori dal coro che dicesse: "E' sbagliato quel che stiamo facendo! Basta con questa assurda violenza! Fermiamoci, torniamo a casa! Pace!". E' mancato lo spirito critico di chi si chiedesse se le proprie azioni fossero giuste.

Ovviamente, ho anche immaginato mio figlio fra quei ragazzi e quegli uomini e gli ho augurato di non essere lì il giorno in cui avrà la loro età. Non perché desideri che egli non affronti i problemi sociali o non manifesti pubblicamente il proprio pensiero, ma perché voglio che fugga dalla violenza cieca, come dalla peste. 

Non per codardia, né perché può far male, ma semplicemente perché, in quanto fine a se stessa, la violenza è il male.

 Scritto da Cristiano Camera - www.figliopadre.com


PaternitÓ Oggi
Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere aggiornato
sulle news del sito e sulle novitÓ dell'Associazione PaternitÓ Oggi!






Ultimi 10 articoli di paternitaoggi.it
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
PapÓ mi rifaccio le tette! No, tu no!
Papà mi rifaccio le tette! No, tu no!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
Attenzione ad offendere un ragazzo perchŔ insulti anche i genitori
Attenzione ad offendere un ragazzo perchè insulti anche i genitori
Sei un genitore creativo?
Sei un genitore creativo?