Testata sito Partecipa e Vinci! Home page di Paternità Oggi
     
 Email:
  
 Password:
  
  
Home Page > NEWS > Articolo Inserito il  16/10/2010

Sarkozy, abbandonato dal padre quando aveva 4 anni, si sarebbe rifugiato nel potere  
PaternitÓ Oggi - Sarkozy, abbandonato dal padre quando aveva 4 anni, si sarebbe rifugiato nel potere

Un’infanzia traumatica: l’abbandono del padre a 4 anni, la madre costretta di colpo a lavorare duramente per mantenere i tre figli, il senso di abbandono e di tradimento, la mancanza di soldi e il declassamento sociale. Ecco il mistero dell’iper-presidente Nicolas Sarkozy: il suo desiderio di primeggiare sempre, la sete di denaro, il potere, gli scatti di rabbia, non sarebbero altro che l’antidoto contro la paura, quella di ”un bambino triste”.

E’ la tesi della scrittrice e giornalista francese Marie-Eve Malouines descritta nel libro, appena uscito in Francia, ‘Nicolas Sarkozy: le pouvoir et la peur’ (Nicolas Sarkozy: il potere e la paura).

”La paura di Sarkozy va cercata nella sua infanzia – sostiene l’autrice, capo del servizio politico dell’emittente radiofonica France Info – Quella situazione era per lui insopportabile. Doveva reagire”.

Secondo la Malouines ”il potere è un formidabile antidoto alle paure del presidente”. La sua politica sarebbe un modo di vendicarsi, ”il potere lo rassicura, è la prova che è il piu’ forte”.

Il libro, frutto di un’inchiesta approfondita, con fonti che la giornalista assicura affidabili ma che hanno richiesto l’anonimato, è rivelatore delle sfaccettature più nascoste del carattere del capo dello Stato francese: il suo lato ”mattatore”, il comportamento da nuovo ricco (bling-bling), l’attitudine a non delegare mai, ad essere in prima linea per non rischiare di essere tradito, la perdita totale del senso politico quando in gioco c’è un membro della famiglia (come per l’ascesa politica del figlio Jean o per la crisi matrimoniale con l’ex moglie Cecilia).

”Più è difficile, più per Sarkozy è stimolante: le difficoltà sono da affrontare e da abbattere”, scrive ancora l’autrice per la quale la lezione viene sempre da lontano, dall’infanzia appunto.

”Da piccolo Sarkozy attendeva tutte le sere che sua madre rientrasse dal lavoro, seduto sulle scale di casa – racconta ancora la giornalista – la sua angoscia era che anche lei, dopo il padre, non rientrasse più”. Non a caso, continua, ”oggi non si stanca mai di ripetere ai francesi: ‘non vi abbandonerò’, o ancora ‘non vi lascerò cadere”.

Il potere è anche un amplificatore dei punti deboli del presidente: ”Per essere rassicurato Sarkozy ha architettato ai vertici dello Stato una competizione incessante, nella quale deve uscirne ovviamente da vincitore – osserva la Malouines – Questo modo di governance, fondato sul terrore e sul sospetto, mette sotto tensione il suo entourage, i suoi ministri, e tutto l’apparato dello Stato, con conseguenze anche sulle riforme”.

Sarkozy teme l’ignoto, si proclama presidente ‘di rottura’ ma in fondo e’ ”conservatore”, il suo motto è ”io non ho paura”, conclude l’autrice, ma è proprio ”la paura il motore del suo potere”.

blitzquotidiano.it

Tags associati all'articolo Tags:  personagginewsesteropsicologia 


PaternitÓ Oggi
Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere aggiornato
sulle news del sito e sulle novitÓ dell'Associazione PaternitÓ Oggi!






Ultimi 10 articoli di paternitaoggi.it
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
PapÓ mi rifaccio le tette! No, tu no!
Papà mi rifaccio le tette! No, tu no!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
Attenzione ad offendere un ragazzo perchŔ insulti anche i genitori
Attenzione ad offendere un ragazzo perchè insulti anche i genitori
Sei un genitore creativo?
Sei un genitore creativo?