Testata sito Partecipa e Vinci! Home page di Paternità Oggi
     
 Email:
  
 Password:
  
  
Home Page > TUTTO IO DEVO FARE > Articolo Inserito il  05/10/2011





Ok le regole, ma le emozioni? Quinta parte  
PaternitÓ Oggi - Ok le regole, ma le emozioni? Quinta parte

  “Ecco la quinta parte dell'articolo di Paterpeur, un papà che si racconta. Leggete anche la prima parte , seconda parte ,  terza parte e la quarta parte (laRedazione)”

 

È necessario fornire ai bambini gli strumenti per cogliere e gestire emozioni, stati d’animo e sentimenti. Un primo passo può essere riconoscere in noi stessi il ruolo che hanno emozioni come la rabbia. Mi sono spesso trovato a rendermi conto che con Samuele in macchina non posso mandare a quel paese gli automobilisti che (faccio un esempio) svoltano senza metter la freccia. Cosa sto comunicando a mio figlio in quel momento? A posteriori mi vergogno di me ma lì sono preda di un’emozione, di pensieri “tossici” e mi trovo a esser convinto che tutti dovrebbero guidare esattamente come guido io e allora sì che le strade sarebbero dei bei luoghi… Questi pensieri sono ciò che Mario Di Pietro chiama “doverizzazioni” e sono errati. Al volante pensieri, pregiudizi ed emozioni si danno man forte e troppo spesso io non li governo. Sono vittima di una spirale che si autogiustifica. Ecco, se io imparo a riconoscere questa deriva, a controllarla e a non esserne vittima, allora ho acquisito un bel po’ di intelligenza emotiva.

L’esempio della guida è fortemente paradigmatico: magari al mattino si è in ritardo e questo ci agita, il comportamento degli altri al volante lo prendiamo come un affronto personale, i ragionamenti che facciamo paiono darci l’ok all’incazzatura, alla fine perdiamo il controllo e scarichiamo la rabbia sul primo malcapitato mandandolo affanculo.

Se io riconosco nelle persone che mi circondano segnali emotivi, indizi o pensieri “tossici” (“non me ne va mai bene una”, “non valgo nulla”, “non tollero che”, “è terribile”…) e se provo ad avvicinarmi, allora ho fatto ancora un passo.

Se scorgo i segnali lessicali tipici dei pensieri tossici (“che cosa stupida ha fatto quello stupido lì!”) e tento di chiamare le cose con il loro nome, allora ho fatto ancora un passo.

Se mi avvicino a mio figlio e tento di comprendere il suo stato d’animo, aiutandolo a dargli un nome, allora lo aiuto ad accrescere la sua solidità emotiva.

Questa solidità lo aiuta a fidarsi dei suoi sentimenti, a gestirli e a riconoscerli negli altri.

Sempre Ianes viene in aiuto con uno schema d’azione:

  • Osservare, osservare, osservare i segni affettivi

  • Allearsi con il vissuto affettivo, dare ascolto empatico

  • Dare un nome ai vissuti emotivi (anche per questo il dilungarsi su cosa siano le emozioni gli stsi d’animo ecc.)

  • Elaborare strategie d’azione

    Paterpuer: http://paterpuer.blogspot.com/

 


PaternitÓ Oggi
Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere aggiornato
sulle news del sito e sulle novitÓ dell'Associazione PaternitÓ Oggi!






Ultimi 10 articoli di paternitaoggi.it
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
PapÓ mi rifaccio le tette! No, tu no!
Papà mi rifaccio le tette! No, tu no!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
Attenzione ad offendere un ragazzo perchŔ insulti anche i genitori
Attenzione ad offendere un ragazzo perchè insulti anche i genitori
Sei un genitore creativo?
Sei un genitore creativo?