Testata sito Partecipa e Vinci! Home page di Paternità Oggi
     
 Email:
  
 Password:
  
  
Home Page > RISPARMIARE > Articolo Inserito il  02/03/2010

Mantenimento dei figli e assegno per nucleo familiare  
PaternitÓ Oggi - Mantenimento dei figli e assegno per nucleo familiare

"N.d.R. Ripropongo questo articolo perchè ieri è uscita una nuova circolare e all'interno di questo pezzo ci sono degli aggiornamenti"

25 febbraio 2010.
L'assegno familiare è dato dall'INPS e in genere viene accreditato sulla busta paga. L'assegno viene stabilito in base al numero dei componenti familiari e al reddito complessivo di tutto il nucleo.

Chi lo può richiedere?
Questo assegno aspetta ai lavoratori dipendenti (anche quelli in cassa integrazione, o disoccupati o mobilità o in malattia, ai pensionati lavoratori dipendenti, ai lavoratori parasubordinati (iscritti alla gestione separata dei lavoratori autonomi)

Chi è escluso?
Non posso fare richiesta di assegno familiare: i piccoli coltivatori diretti, coltivatori diretti o coloni o mezzadri e i pensionati lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri)

Nella famiglia, a chi aspetta questo assegno?
- al richiedente (chi ha fatto la domanda),
- al coniuge (non legamente ed effettivamente separato)
- ai figli (di ogni natura ma con meno di 18 anni)
- a figli disabili (anche maggiorenni ma impossibilitati a lavorare)
- ai nipoti (sotto i 18 anni e che siano a carico diretto)

Le famiglie numerose, con almeno 4 figli (sotto i 26 anni indipendentemente dallo stato civile, dall'attività lavorativa e dalla convivenza in casa) vengono considerate come se avessero figli minori.

Come capire se ci spetta l'assegno?
Intanto il reddito totale del nucleo familiare, deve provenire per il 70% (almeno) dal lavoro dipendente o da prestazioni derivanti sempre da lavoro dipendente (sono comprese in questa percentuale le pensioni, le indennità di disoccupazione o maternità o malattia etc). Quindi se in famiglia due componenti lavorano come dipendenti, si somma il loro reddito; questo deve essere almeno il 70%.
La somma che verrà data (se viene accettata la domanda) varia di percentuale, ogni anno.
Vi inserisco una tabella indicativa per nucleo familiare con entrambi i genitori ed un minore, in cui NON siano presenti componenti inabili (relativa al 2008 però! ricordatevi che ogni anno questi parametri cambiano)

-
-----------------------------------

Aggiornamento del 2 marzo 2010 in riferimento ad una circolare del 1 marzo 2010

Il Dipartimento delle politiche per la famiglia con il Comunicato pubblicato sulla G.U. n. 37 del 15 febbraio 2010, ha reso noto che l’incremento dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, calcolato con le esclusioni di cui alla legge 5 febbraio 1992, n. 81, da applicarsi, per l’anno 2010, alle prestazioni di cui all’art. 65, comma 4, della legge  23 dicembre 1998, n. 448 e all’art. 74 del D. Lgs. 26.3.2001, n. 151,  è risultato  pari allo 0,7 per cento.

Con la presente circolare si comunicano gli importi delle prestazioni in argomento.

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE
L'assegno per il nucleo familiare da corrispondere agli aventi diritto per l'anno 2010 è pari, nella misura intera, a Euro 129,79.
Per le domande relative al medesimo anno, il valore dell'indicatore della situazione economica, con riferimento ai nuclei familiari composti da cinque componenti, di cui almeno tre figli minori, è pari a Euro 23.362,70
Ovviamente, per l'assegno per il nucleo familiare da erogare per il 2009, per i procedimenti in corso, continuano ad applicarsi i valori previsti per il medesimo anno 2009.

------------------------------
Quando e come va fatta la domanda?
La domanda per l'assegno va presentata al proprio datore di lavoro (se hai un lavoro) oppure agli uffici INPS se non hai lavoro o sei pensionato etc (verifica bene quale è l'ufficio INPS della tua zona, prima di farti file inutili in altre sedi).
I documenti da presentare sono: sicuramente lo stato di famiglia (va aggiornato ogni volta che si fa un cambiamento) ed in ogni caso, nel modulo di richiesta sono indicati i documenti che possono servire per presentare la domanda
La domanda va presentata (in genere, salvo modifiche da parte dell'INPS) entro il 31 gennaio dell'anno successivo per cui si richiede l'assegno (esempio entro il 31 gennaio 2011, si otterrà l'assegno per l'anno 2010)

Quando paga l'INPS
Volendo, il datore di lavoro può anticipare la cifra che poi viene rimborsata dall'INPS. Oppure sul conto corrente bancario che il richiedente (chi ha richiesto l'assegno) ha indicato. In questo caso ricordati di mettere tutte le coordinate bancarie.
Gli arretrati spettanti vanno in prescrizione dopo 5 anni

fonte: alcuni dai sono presi da inps.it
 



PaternitÓ Oggi
Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere aggiornato
sulle news del sito e sulle novitÓ dell'Associazione PaternitÓ Oggi!






Ultimi 10 articoli di paternitaoggi.it
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
PapÓ mi rifaccio le tette! No, tu no!
Papà mi rifaccio le tette! No, tu no!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
Attenzione ad offendere un ragazzo perchŔ insulti anche i genitori
Attenzione ad offendere un ragazzo perchè insulti anche i genitori
Sei un genitore creativo?
Sei un genitore creativo?