Testata sito Partecipa e Vinci! Home page di Paternità Oggi
     
 Email:
  
 Password:
  
  
Home Page > CONCEPIMENTO > Articolo Inserito il  12/09/2009

La pillola del giorno dopo. Scopriamo come funziona  
PaternitÓ Oggi - La pillola del giorno dopo. Scopriamo come funziona

La pillola del giorno dopo è un farmaco utilizzato come metodo di contraccezione post-coitale (ossia contraccezione di emergenza) durante le 72 ore successive a un rapporto sessuale. Il principio attivo è il progestinico levonorgestrel, una sostanza presente anche in molte pillole contraccettive, impiegata però in un dosaggio 20-30 volte maggiore (750 microgrammi).

Questo farmaco non va confuso con la pillola abortiva Mifepristone, nota come RU-486, dalla quale si differenzia sia per i tempi di assunzione che per i meccanismi di azione.

La pillola del giorno dopo è un metodo di contraccezione considerato di “emergenza” ed ha l’obiettivo di prevenire lo stato di gravidanza, in caso di rapporto sessuale non protetto o in caso di mancato funzionamento di un metodo anticoncezionale. Scopo del farmaco è quello di bloccare l’ovulazione. Nel 2005 il Dipartimento di Salute Riproduttiva dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiarito che “la contraccezione di emergenza con levonorgestrel ha dimostrato di prevenire l’ovulazione e di non avere alcun rilevabile effetto sull’endometrio (la mucosa uterina) o sui livelli di progesterone, quando somministrata dopo l’ovulazione. La pillola è inefficace dopo l’annidamento e non provoca l’aborto”.

L’efficacia della pillola del giorno dopo è strettamente correlata ai suoi tempi di assunzione: più sono vicini al rapporto sessuale a rischio e maggiore è la protezione che offre. Sempre l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha realizzato uno studio che indica che l’uso della “pillola del giorno” dopo previene il 95% di gravidanze indesiderate assunta entro le 24 ore dal rapporto a rischio e scende fino ad annullarsi nelle 72 ore.

E’ probabile che dopo l’assunzione della pillola, il ciclo risulti più abbondante e più lungo del solito. Non allarmatevi è normale. Se vi capita di vomitare dopo l’assunzione della pillola e comunque entro le due ore dall’assunzione dovete prenderla dinuovo. In caso di dubbi consultate il medico curante o un consultorio.

E’ possibile che alcuni farmaci anticonvulsivanti o antiepilettici, come anche alcuni antibiotici, possano interferire con la pillola del giorno dopo, con conseguente riduzione d’ efficacia di essa. Non usate la pillola del giorno dopo come anticoncezionale di routine, anche se avete rapporti sporadici. Una contraccezione regolare offre maggiori sicurezze.

La prescrizione della ricetta per l’acquisto della pillola del giono dopo viene rilasciata da:

  • medico curante o ginecologo
  • consultori
  • pronto soccorso

Secondo la Legge n. 194 del 22 maggio 1978, l’obiezione di coscienza in Italia è permessa solo nei confronti dell’aborto, sono pertanto segnalabili i casi in cui i medici si rifiutino di prescrivere il farmaco. Onde evitare di ritrovarsi in caso di rapporto a rischio difronte a muri di coscienza, alcune associazioni suggeriscono di farsi prescrivere la pillola del giorno dopo in anticipo dal proprio medico curante, mentre altre portano avanti campagne per la libera vendita della pillola nelle farmacie.

In ogni caso il buon senso è di rigore.

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente informative. Rivolgersi sempre al proprio medico

blogmamma.it

Tags associati all'articolo Tags:  concepimentosalutefarmacoru486 


PaternitÓ Oggi
Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere aggiornato
sulle news del sito e sulle novitÓ dell'Associazione PaternitÓ Oggi!






Ultimi 10 articoli di paternitaoggi.it
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
PapÓ mi rifaccio le tette! No, tu no!
Papà mi rifaccio le tette! No, tu no!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
Attenzione ad offendere un ragazzo perchŔ insulti anche i genitori
Attenzione ad offendere un ragazzo perchè insulti anche i genitori
Sei un genitore creativo?
Sei un genitore creativo?