Testata sito Partecipa e Vinci! Home page di Paternità Oggi
     
 Email:
  
 Password:
  
  
Home Page > PARTO > Articolo Inserito il  05/02/2012

In Italia si fanno troppi cesarei!  
PaternitÓ Oggi - In Italia si fanno troppi cesarei!

Lo dico, e lo scrivo, da tempo: in Italia il parto cesareo viene spesso fatto non per necessita', ma per motivi legali. Lo conferma  un''indagine condotta dalla Societa' Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) da maggio a settembre 2009. I dati sono stati presentati  all'inaugurazione del Congresso Nazionale di Bari. E' la prima volta che la Societa' scientifica analizza ''a tappeto'' un problema cosi' spinoso (oltre 200 centri italiani).
"Per 9 ginecologi su 10 sono le complicazioni medico legali la prima causa del taglio cesareo in Italia. Una modalita' che nel nostro Paese viene applicata in media nel 38% dei parti, record che non ha eguali in Europa (in Francia e' il 20.2%, in Inghilterra il 23%). I camici bianchi non hanno dubbi: il contenzioso rappresenta il vero problema da affrontare per risolvere questa anomalia.  Nel complesso, le motivazioni organizzative pesano piu' di quelle cliniche: 59% contro solo il 32%, un caso su tre. Ma c'e' un problema evidente anche nella formazione perche' la preparazione del ginecologo/ostetrico al parto vaginale e' inadeguata per il 59%.
"Abbiamo ben presente la questione, se ne discute da anni, ora pero' possiamo affrontarla attingendo ai risultati delle nostre interviste per cercare soluzioni e fornire proposte concrete da condividere con le Istituzioni - afferma il Presidente SIGO Giorgio Vittori -. Per il 35% degli intervistati la situazione potrebbe normalizzarsi se ci fossero meno 'pressioni' di tipo medico-legale, per il 24% e' necessario un investimento nella formazione professionale, per il 19% serve la presenza di un'anestesista dedicato (oggi c'e' solo nel 34% dei punti nascita) e il 16% chiede una migliore informazione per le donne''.
"Spesso infatti sono proprio le madri a preferire l'intervento alla via 'naturale' - aggiunge il prof. Alessandro Melani, membro del Direttivo SIGO e responsabile della elaborazione dei dati-: il 27% dei cesarei e' frutto di una loro precisa scelta, senza indicazione clinica.
Orientamento su cui sembra incidere anche la scarsa possibilita' di accedere all'anestesia epidurale, non ancora garantita in tutto il Paese: ne e' convinto un medico su 2 (51%). L'influenza di precedenti esperienze di amiche o parenti e dei media e' evidente nell'indirizzare la puerpera (47%), ma il ginecologo resta la figura di riferimento''. (ottobre 2009)

font: asca.it

Tags associati all'articolo Tags:  partosalutestatistiche2009 


PaternitÓ Oggi
Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere aggiornato
sulle news del sito e sulle novitÓ dell'Associazione PaternitÓ Oggi!






Ultimi 10 articoli di paternitaoggi.it
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
PapÓ mi rifaccio le tette! No, tu no!
Papà mi rifaccio le tette! No, tu no!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
Attenzione ad offendere un ragazzo perchŔ insulti anche i genitori
Attenzione ad offendere un ragazzo perchè insulti anche i genitori
Sei un genitore creativo?
Sei un genitore creativo?