Testata sito Partecipa e Vinci! Home page di Paternità Oggi
     
 Email:
  
 Password:
  
  
Home Page > CRESCITA > Articolo Inserito il  23/06/2010

Crescita: come avvicinare i vostri figli alla lettura  
PaternitÓ Oggi - Crescita: come avvicinare i vostri figli alla lettura

"La lettura è importante per la crescita psicologica e personale dei bambini o ragazzi. Purtroppo, sempre più spesso questo diletto viene abbandonato per giochi elettronici o tv. Non sempre la passione per la lettura è insita dentro al bambino. Va costruita e indirizzata. Qui di seguito una serie di idee per portare vostro figlio verso una lettura consapevole e piacevole"



“II verbo leggere non sopporta l’imperativo, avversione che condivide con alcuni altri verbi: il verbo -amare-… il verbo -sognare-….”, scrive Daniel Pennac.



Vorrei avere la ricetta per dirvi come far nascere il piacere della lettura nei piccoli e nei grandi: ma non esiste! Non si può certo insegnare: si otterrebbe, molto probabilmente, l’effetto contrario. Si può però educare alla gioia della lettura, creando un’ambiente che la favorisca in modo piacevole e giocoso. Si può tentare con un pò di fantasia e creatività, partendo dagli interessi di colui che dedisderiamo accompagnare, fortemente motivati dal fatto che crediamo fermamente nel valore della lettura di un buon libro.



1. Il punto di partenza è costituito dai suoi INTERESSI: nessuno legge volentieri qualcosa che non gli piace, perchè dovrebbe farlo un bambino?



2. Portalo regolarmente in libreria o in biblioteca e FAI SCEGLIERE A LUI il libro che desidera leggere. Questo vuol dire mettere in conto che egli decida di prendere libri molto simili, con lo stesso soggetto. Non forziamolo a variare ciò che gli interessa, in fondo anche noi abbiamo un genere o uno scrittore preferito perciò, perchè non dovrebbe averlo un bambino?



3. Non dimenticare che i bambini preferiscono i libri con tante IMMAGINI; ricorda inoltre di orientare la scelta verso libri adatti alla sua età e al suo sviluppo: in questo modo, come la regole del “nè troppo, nè troppo poco”, puoi evitare che il contenuto sia poco stimolante o troppo complicato (e quindi in entrambi i casi inutile e diseducativo!).



4. Ogni settimana crea delle SCATOLE DEL LIBRO, ovvero in ogni scatola metti un solo libro con i relativi oggetti, peluche e travestimenti necessari a drammatizzarlo o a raccontarlo in modo animato.



5. Ogni tanto leggi insieme a lui e PER LUI: sembra un consiglio scontato, eppure molti genitori smettono di leggere al proprio bambino quando inizia la scuola elementare. In realtà, anche se i bambini sanno leggere, si tratta per loro di un’attività molto faticosa e perciò spesso la evitano! Se sono obbligati tutto il piacere svanisce e rimane una “cosa noiosa da fare per forza”.



6. Perchè non costruire un libro? Diventare scrittori, narratori e illustratori può essere un modo per appassionarsi ancora di più. Questa è un attività che si può fare sia a casa, sia a scuola; da soli, in coppia, in gruppo…. In questo campo non si può non nominare il sito di

StoryJumper

, che permette ai bambini di creare direttamente online il proprio libro.



7.Fate un foglio o un cartellone con i DIRITTI DEL LETTORE, ovvero “il diritto di…. non leggere, saltare le pagine, non finire il libro, rileggere, leggere qualsiasi cosa… leggere ovunque, spizzicare, leggere ad alta voce, tacere..”



fonte:  psychomer.it


articolo di zazuxx01



PaternitÓ Oggi
Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere aggiornato
sulle news del sito e sulle novitÓ dell'Associazione PaternitÓ Oggi!






Ultimi 10 articoli di paternitaoggi.it
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
PapÓ mi rifaccio le tette! No, tu no!
Papà mi rifaccio le tette! No, tu no!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
Attenzione ad offendere un ragazzo perchŔ insulti anche i genitori
Attenzione ad offendere un ragazzo perchè insulti anche i genitori
Sei un genitore creativo?
Sei un genitore creativo?