www.paternitaoggi.it

Home Page : Articolo : Stampa

Pari opportunitÓ: in Svizzera sarÓ nominato un responsabile per la tutela degli uomini
Pubblicato il: 15/03/2012  Nella Sezione: SocietÓ

Ci sono fior di classifiche sui posti in cui essere donna è sinonimo di svantaggio o, piuttosto, occasione di crescita e affermazione. Ma esistono anche Paesi che si attrezzano per non rimanere indietro.

Bene le pari opportunità, ma che non si vada oltre. Se le attenzioni al «sesso debole» sono eccessive, infatti, può succedere che gli uomini si sentano minacciati. Succede in Svizzera, dove il cantone di Zurigo ha deciso di nominare un responsabile per le questioni «maschili». Vent'anni dopo la costituzione del primo ufficio per la parità elvetico, gli uomini continuano a percepire un salario medio superiore a quello delle donne. Ma spesso si scontrano con leggi che declinano la tutela prevalentemente al femminile. O faticano a conciliare i tempi di lavoro con quelli della cura familiare.

PER I CONGEDI DI PATERNITÀ - Adesso avranno chi sosterrà la loro causa. Si tratta del primo caso nel paese elvetico, secondo quanto riporta il sito Nzz.ch. Che traccia un profilo del candidato selezionato dal dipartimento della Giustizia per ricoprire l'incarico. Si tratta di Markus Theunert, 39enne psicologo e sociologo, dal 2005 presidente dell'associazione «Maenner.ch» («Uomini»). Suo cavallo di battaglia, i congedi di paternità al maschile.
 
Theunert dovrebbe assumere l'incarico a partire da luglio. La sua prima battaglia sarà rivolta ad aiutare i giovani che vogliono fare mestieri riservati solitamente alle donne. Ma si dedicherà anche a sostenere padri e mariti che hanno difficoltà nel conciliare la vita lavorativa e le incombenze domestiche.
 
UGUAGLIANZA - La nuova posizione è stata creata - ha spiegato Helena Trachsel, responsabile dell'ufficio Pari opportunità di Zurigo - per mantenere l'uguaglianza tra maschi e femmine. Le donne, infatti, dispongono già da tempo di servizi simili, ma ci sono pesanti ritardi sul fronte maschile. Per non discriminare nessuno, l'ufficio Pari opportunità ha in programma una serata «uomini» per il 4 giugno, a cui seguirà una serata «donne» il 22 ottobre; non mancherà una serata per entrambi i sessi a novembre.