Testata sito Partecipa e Vinci! Home page di Paternità Oggi
     
 Email:
  
 Password:
  
  
Home Page > SVAGHI CON I FIGLI > Articolo Inserito il  02/10/2009

Cosa fare con i vostri figli: Museo del gioco, Bari  
PaternitÓ Oggi - Cosa fare con i vostri figli: Museo del gioco, Bari

Arena della Vittoria,tel. 080 5023090
E-mail: bibrag@tiscalinet.it

Orario: lunedì e giovedì, 15/18, martedì e venerdì, 9.30/12.30, domenica, 10/13.

Costo: non pervenuto

Il Museo del gioco e e del giocattolo di Bari, che fa parte della Città dei Ragazzi insieme all'Atelier delle Arti e alla Biblioteca dei Ragazzi, è ospitato in un'ala dell'ex stadio di calcio della Vittoria, di inizio Novecento, e raccoglie balocchi di ogni genere ed epoca.
L'originale allestimento espone i giochi in carrozzoni ambulanti. Si parte con i giocattoli di costruzione diretta, quelli, cioè, fabbricati con materiali riciclati dai bambini da soli o con l'aiuto degli adulti. I balocchi esposti sono fedeli agli originali, ricostruiti sui ricordi e l'esperienza degli anziani. Si trovano monopattini in legno, carretti, cavallucci su asta, fucili a molla, comete (gli aquiloni tipici di Polignano a Mare fatti di canne e carta velina), fionde, palle di pezza, archi ricavati dai ferri di vecchi ombrelli, pupe, trampoli a buatta (scatole di latta cilindriche) o a bastone… Tutti giochi legati alla cultura contadina o marinara diffusi tra il popolo e usati fino agli anni Cinquanta fino all'avvento della plastica. Un altro carrozzone trasporta i giocattoli della tradizione artigianale pugliese, costruiti dagli adulti per i bambini, per esempio dai fabbri o dai falegnami con gli scarti del lavoro di bottega.

Ci sono trottole, pupu, carretti della Quaresima fatti di fascine da incendiare durante la processione del Venerdì Santo. Il carro dei giocattoli poveri del Sud del mondo trasporta balocchi africani, indiani, messicani, brasiliani, detti "di discarica" perché ricavati con materiali trovati nei rifiuti, come stoffe, candele d'auto, lampadine fulminate. Infine, ecco i giochi d'epoca, da metà Ottocento agli anni Sessanta: marionette in gesso, macchine e giostrine a corda, trottole, pentoline in rame, cucinette, un fucile a baionetta, una fambula, cioè un burattino con il volto di cappuccetto rosso da un lato e quello della nonna dall'altro e sul retro il lupo.
L'ultima sezione del museo è dedicata ai giochi ottici e pre-cinematografici ospitati sotto un tendone che ricorda quelli delle antiche fiere di paese. La collezione di movie macchine, strumenti con cui si consumarono i primi tentativi di movimentare i disegni, conta macchine in parte ricostruite sulla base di otiginali ottocenteschi. Ci sono la ruota di Farday, lo stroboscopio e una lanterna magica del 1880. Tra i giochi ottici, il caleidoscopio, i dischi cromatici, l'ologramma.

Bandite mensole e vetrine, gli ampi spazi sono allestiti con carrozzoni colmi di balocchi che rievocano l’atmosfera della festa di piazza. Nei carrozzoni vi si trovano i giocattoli di costruzione diretta: si tratta di quei giocattoli fabbricati dai bambini da soli o con l’aiuto degli adulti, con materiali di reimpiego, soggetti all’usura e all’abbandono, per giochi in casa o in strada. Monopattini in legno, carretti con ruote a cuscinetti a sfera, cavallucci montati su un’asta, fucili a molla, aquiloni fatti di canne e carta velina (le “comete” tipiche di Polignano a Mare), le cinque pietre da far saltare abilmente fra le mani, le fionde, le palle di pezza, gli archi costruiti con i ferri degli ombrelli.

fonte: mammaepapa.it, guide.supereva.it, ilsole24ore.it



PaternitÓ Oggi
Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere aggiornato
sulle news del sito e sulle novitÓ dell'Associazione PaternitÓ Oggi!






Ultimi 10 articoli di paternitaoggi.it
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
Il parto in casa: 10 domande da porre, prima di prendere una decisione
PapÓ mi rifaccio le tette! No, tu no!
Papà mi rifaccio le tette! No, tu no!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
A quanto pare i genitori hanno anche questa colpa!
Attenzione ad offendere un ragazzo perchŔ insulti anche i genitori
Attenzione ad offendere un ragazzo perchè insulti anche i genitori
Sei un genitore creativo?
Sei un genitore creativo?