www.paternitaoggi.it

Home Page : Articolo : Stampa

Ecco una lista di esami da fare, anche per il papā
Pubblicato il: 01/05/2010  Nella Sezione: Gravidanza

Ecco l'elenco degli esami esenti dal pagamento del ticket da effettuarsi prima del concepimento: alcuni devono essere eseguiti dalla donna, altri dall'uomo, altri da entrambi i partner.

Le prestazioni specialistiche gratuite per la donna sono:
- Visite ginecologiche periodiche
- Pap-test: consiste nell'esame di cellule superficiali prelevate dal collo dell'utero e dalla vagina con una spatola. Lo esegue il ginecologo e serve ad accertare la presenza di infezioni virali o infiammazioni oppure a evidenziare anomalie cellulari, che, anche nel giro di qualche anno, potrebbero portare alla formazione di tumori al collo dell'utero

Sono inoltre gratuiti alcuni esami del sangue specialistici ritenuti molto importanti in questa fase:
- Esami per accertare il gruppo sanguigno e il fattore Rh
- Emocromo: comprende un gruppo di analisi per accertare se la futura mamma è anemica. Nel caso venga riscontrata l'anemia, lo stesso test è consigliato anche al partner. Prima di intraprendere la gravidanza, è opportuno che la donna inizi una cura appropriata: l'anemia può infatti compromettere il trasporto dell'ossigeno al feto.
- Test di Simmel: si esegue se dall'esame dell'emocromo sono emerse delle anomalie dei globuli rossi o se si è riscontrata un'anemia. Questo test, infatti, permette di individuare il tipo di anemia e, di conseguenza, la cura più appropriata.
- Rubeo test: serve ad accertare l'immunità dalla rosolia, una malattia che in genere si contrae da bambini. Se la donna non risulta immune, è opportuno che faccia la vaccinazione e aspetti da 3 a 6 mesi prima di intraprendere una gravidanza. La rosolia, infatti, se contratta all'inizio della gravidanza, può compromettere seriamente la salute del feto,.
- Toxotest: serve ad accertare l'immunità dalla toxoplasmosi, una malattia trasmessa da un parassita che può causare problemi al sistema nervoso centrale e alla vista del feto. Se la donna non risulta immune, una volta avvenuto il concepimento, dovrà prendere le opportune precauzioni evitando tutti gli elementi che potrebbero essere portatori del parassita: per esempio evitando il contatto con i gatti ed escludendo dalla dieta i vegetali crudi, che potrebbero non essere stati lavati adeguatamente, gli insaccati, la carne cruda o poco cotta.
- Test di Coombs: si esegue nelle donne con gruppo sanguigno Rh negativo per valutare l'eventuale presenza nel sangue di anticorpi che potrebbero attaccare i globuli rossi del feto eventualmente con Rh positivo.

Per l'aspirante papà, sono gratuiti gli esami che servono a verificare, principalmente, la compatibilità con il gruppo sanguigno e il fattore Rh della partner (emocromo, test di Simmel, test di Coombs).

Le prestazioni specialistiche per la coppia sono:
- Test HIV: serve a escludere la presenza del virus dell'Immunodeficienza Acquisita che può essere facilmente trasmesso al bambino.
- Test TPHA: serve ad accertare la presenza degli anticorpi della sifilide (Treponema Pallidum Passiva), una malattia a trasmissione sessuale che va curata prima di intraprendere una gravidanza per evitare di causare al nascituro problemi al sistema nervoso o alla cute.

fonte: bimbinsalute.it